Chi Siamo

La pastorale delle coppie irregolari è stata fortemente voluta dal Vescovo di Pistoia Monsignor Simone Statizzi, che dal 2000 ha costituito una equipe di lavoro costituita da quattro coppie della diocesi. I primi due anni, dal 2000 al 2002, sono serviti per la formazione spirituale e psicologica dell’equipe in rapporto a queste specifiche situazioni.

La equipe di lavoro è costituita da: GUIDO e FRANCA SARDI (che ne sono i responsabili), PAOLO e LUCIANA BELLEZZA, ROBERTO e STEFANIA MANIGRASSO, LUIGI e CRISTINA PRATESI.

Il progetto è partito nel mese di Maggio del 2002 con incontri bimestrali a Villa Rospigliosi a Pistoia.
Gli incontri sono presieduti da Mons. Vescovo coadiuvato dalle quattro coppie dell’equipe che provvedono all’accoglienza nei momenti di arrivo, di pausa e durante la cena, cercando di creare un clima di familiarità in cui è possibile l’ascolto e la condivisione. Inoltre guidano i gruppi di lavoro che vengono formati dopo la presentazione del tema

Mappa

DOVE VI INCONTRIAMO

Dal prossimo anno pastorale gli incontri si terranno presso Villa del Palco a Prato.

Le foto della Villa saranno pubblicate prossimamente.Itinerario per raggiungere Villa del Palco

– Autostrada A11 uscita Prato est.

– Si prosegue seguendo la direzione (centro- Vaiano…)

– Dopo circa 800m in prossimità del museo Pecci si volta a dx ( direzione Fabbricone ) in viale della Repubblica.

– Si prosegue sempre dritto superando due rotonde fino ad oltrepassare il fiume Bisenzio ed il sottopassaggio della ferrovia.

– Dopo il sottopasso altra rotonda dove si tiene la sinistra per immettersi in viale Borgo Valsugana.

– Si continua sempre dritto ( questo viale dopo un primo tratto prende il nome di via s. Benelli e poi via R. Lambruschini ) fino a raggiungere un’ altra piccola rotanda dove si tiene la destra per immettersi in via V. Orlando.

– Si volta a destra in via G. Miniati e all’ obelisco si ruota a sinistra per voltare subito a destra in via del Palco.

– Si continua dritto fino a via Serafino Razzi dove si tiene la destra in salita ( alla nostra sinistra la ferrovia ) in una strada molto stretta ( fare attenzione!! )

– Dopo poche centinaia di metri si raggiunge la villa.

– Si supera l’ingresso principale e si volta a destra costeggiando la villa per raggiungere il parcheggio principale.

Deus Ignis Ardens


Si è spento Mons. Simone Scatizzi vescovo emerito e cofondatore dell’associazione

UN VESCOVO ATTENTO A COLORO CHE SONO SULLA PORTA

Simone ScatizziPistoia 27/08/10


L’associazione “Tutti figli dello stesso Padre”, che si occupa di separati, divorziati e in particolar modo delle coppie ricostituite, annuncia con infinito dolore la perdita del suo vicepresidente Ms. Simone Scatizzi, che è stato insieme ad una equipe di quattro coppie di sposi, ideatore, guida ed animatore della stessa. Infatti, l’associazione, nata in conseguenza a dieci anni di pastorale nelle diocesi di Pistoia e successivamente di Prato, è stata fortemente voluta e costituita da Ms.Scatizzi proprio in prospettiva di un futuro sganciato da se stesso e dai soci fondatori.

Pertanto, vogliano esplicitare il nostro grazie al Signore per averci donato un “pastore” così carismatico che ha saputo trasmettere all’associazione il suo spirito di accoglienza che ha sempre  caratterizzato i suoi rapporti interpersonali. Rapporti che sapeva tessere con tutti, al di là dei ruoli e della cariche sociali, soprattutto con i bisognosi di consolazione e sostegno psicologico, morale e spirituale.  Non a caso il nome stesso dell’associazione sta ad indicare che tutti, in forza del proprio battesimo, e al di là ed oltre i propri difetti ed errori, siamo figli di un Padre buono e misericordioso. Un Padre a cui ha affidato completamente la sua vita con fiducia e serenità e che, anche nel dolore e nella malattia, non ha mai smesso di amare e di ringraziare offrendo costantemente la sua sofferenza per la salvezza della sua chiesa.

Un uomo ed  un Vescovo  che ha sempre improntato il suo episcopato sulle parole di Gesù: “il vostro dire sia si si, no no, il resto viene dal maligno…”. Per lui il vangelo non era uno scherzo. Ed anche in questo caso l’associazione ha assunto questo modo di operare rimanendo fedeli  alla Verità Evangelica ed aderendo completamente alle direttive della Dottrina della Chiesa Cattolica, cercando sempre di sviluppare empatia ed accoglienza nei confronti delle  persone in difficoltà che ad essa si rivolgono.

Un grazie di cuore, quindi, a mons Scatizzi per quello che ha fatto e continuerà a fare in forza dell’immensa eredità spirituale che ci ha lasciato e l’augurio che   finalmente abbia  raggiunto la casa del Padre per fondersi in quell’abbraccio di luce eterna che ha tanto desiderato.

Il presidente

Franca Diddi